28
Giu
2022
Novità

DNAppunti coreografici 2022: ecco i 4 progetti finalisti

Dopo una selezione fra oltre 60 candidature siamo lieti di annunciare i 4 progetti finalisti del bando DNAppunti coreografici 2022.
LUCCIOLE – L’ARTE DEL DUBBIO di Vittoria Caneva
IRENE di Alessandro Marzotto
CONTRE-POIDS di Massimo Monticelli
DECISIONE CONSAPEVOLE di Roberto Tedesco

Le 4 idee coreografiche verranno presentate a Roma il 30 ottobre 2022 negli spazi della Pelanda Mattatoio, nell’ambito di Romaeuropa Festival.

Tra questi 4 lavori la giuria di DNAppunti Coreografici selezionerà il progetto vincitore dell’edizione 2022 che otterrà il supporto alla creazione del proprio lavoro attraverso un percorso di ricerca con sostegni eterogenei nel 2023: residenze creative (37 giorni di residenza), risorse economiche (contributo economico complessivo di circa 18.500,00 euro) e visibilità (5 repliche del progetto realizzato all’interno delle programmazioni dei partner).

Ringraziamo tutte e tutti coloro che hanno inviato la loro candidatura per l’edizione 2022 di DNAppunti coreografici. Diamo l’appuntamento alle artiste e agli artisti per l’edizione 2023!

Prossimo appuntamento il 30 ottobre a Roma per la presentazione dei lavori dal vivo, vi aspettiamo!

DNAppunti coreografici è un progetto di sostegno per giovani coreografi e coreografe under 35, strutturato in diverse fasi di ricerca e creazione – raccolta delle proposte, visione degli studi, residenze creative, contributo alla produzione – che nasce da un lavoro sinergico su territorio nazionale tra  Centro Nazionale di produzione della danza Virgilio Sieni, Operaestate Festival/CSC Centro per la scena contemporanea del Comune di Bassano del Grappa, L’arboreto – Teatro Dimora | La Corte Ospitale ::: Centro di Residenza Emilia Romagna, Fondazione Romaeuropa, Gender Bender Festival di Bologna, Triennale Milano Teatro.

#DNAppunticoreografici

Related News

Lorem ipsum dolor sit amet, consetetur sadipscing elitr, sed diam nonumy eirmod tempor invidunt ut labore et dolore magna aliquyam erat, sed diam voluptua.